TRIVIA 14/25: Le origini dell’attuale Romania… la Dacia

TRIVIA 14/25

Sicuramente vi sarete chiesti come mai la Romania, un Paese dell’Europa dell’Est circondato da popolazioni slave e magiare abbia un nome che ricorda così tanto la nostra capitale Roma?! Bisogna tornare indietro nel tempo quando Roma era caput mundi… L’attuale Romania è stata l’ultima provincia romana ad essere conquistata e la dominazione durata meno di due secoli ha lasciato un’impronta duratura sulla regione. Di quell’occupazione resta il nome di una nazione e una lingua, il rumeno che si sarebbe sviluppato nei secoli successivi, che è considerata una lingua romanza come l’italiano, lo spagnolo e il portoghese: basta pensare che nel suo lessico ha il 70% di parole di origine latina… vi accorgerete quando saremo a Bucarest che il rumeno e l’italiano non sono poi così dissimili, anzi… Della conquista dell’impero romano ci occuperemo in seguito, ma chi c’era prima dei romani in questa regione? Come si chiamava la Romania prima dell’arrivo delle legioni romane?
La Dacia era un potente stato in espansione con un temibile esercito ed un re Decebalo che era considerato un grande stratega. I daci erano un popolo estremamente preparato, difficile da sconfiggere e mai domo. Erano famosi per la bravura e il coraggio con cui affrontavano le battaglie e la morte, che era per loro un passaggio verso l’immortalità dell’anima. Ma soprattutto, la Dacia, era una regione ricca di oro e argento: l’equivalente odierno del petrolio! Giulio Cesare (proprio lui!) e Domiziano avevano provato ad invadere la Dacia, ma entrambi furono amaramente sconfitti. Non sono rimaste molte tracce di questo popolo fiero e indomito e quello che si sa lo si deve in larga parte ai resti della loro inespugnabile capitale nascosta tra le foreste della Transilvania: Sarmizegetusa. Eretta in cima ad una rupe alta 1200 metri, la città-fortezza è ancora avvolta nel mistero: un vero El Dorado per cacciatori di tesori, studiosi di esoterismo convinti che sia un portale di comunicazione con un mondo parallelo, archeologi e turisti. Il percorso per raggiungerla è ancora oggi affascinante ed impervio, proprio come doveva apparire ai soldati romani giunti fin qui per conquistarla.
Il modo migliore per conoscere la storia del popolo della Dacia, però, è leggere un gigantesco libro di pietra alto quanto un palazzo di dodici piani… non ci credete!? Se siete stati a Roma sicuramente l’avrete visto immerso nel paesaggio urbano senza neanche immaginare di aver di fronte una sorta di kolossal storico, paragonabile al film Il Gladiatore… sto parlando della Colonna Traiana!

A proposito, dell’antico popolo che occupava la Romania prima dell’arrivo dei romani è rimasta anche un’altra cosa… date un’occhiata in un parcheggio e sicuramente vi accorgerete di cosa sto parlando…

Vabbè, ve lo dico… c’è una casa automobilistica rumena che ha preso il nome proprio dall’antica regione della Dacia. È anche lo sponsor della squadra di calcio dell’Udinese!

I resti dell'antica capitale della Dacia: Sarmizegetusa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *